I Poteri dello Stato

Poco fa, mentre ascoltavo per radio ”Oggi al Parlamento” ho avuto un tuffo al cuore, come cittadina, come docente di Storia e come persona impegnata culturalmente e politicamente,

Durante il progranna si riferiva che  qualcuno dei rappresentanti della destra ha detto che la Magistratura sarebbe solo un Ordine dello Stato non un Potere dello Stato, dunque si deve attenere a quanto decide il Parlamento (sic!)

Coloro che il 27 dicembre 1947 (Enrico De Nicola, Umberto Terracini, Alcide De Gasperi)
apposero la firma di promulgazione della Costituzione, forse si saranno rivoltati nella tomba di fronte a tale asserzione…

Probabilmente chi ha affermato tale assunto, non ha letto per intero l’art. 104 della Costituzione che recita testualmente
La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere.
Il Consiglio superiore della magistratura è presieduto dal Presidente della Repubblica.
Ne fanno parte di diritto il primo presidente e il procuratore generale della Corte di Cassazione…”.
Sì perché, come dovrebbero sapere tutti, la Costituzione italiana sancisce il principio dell’illuminista Montesquieu della separazione dei tre poteri: Legislativo, Esecutivo e Giudiziario: senza tale separazione non vi è libertà ma dittatura!
Dunque ricordiamo insieme l’art, 101 – parte seconda
I poteri dello Stato:
Titolo I I- l Parlamento (artt. 55-82)
Titolo II – Il Presidente della Repubblica(artt. 83 – 91)firma-della-costituzione1
Titolo III – Il Governo (artt. 92-100)
Titolo IV-  La Magistratura (artt. 101-113)

E un altro che se fosse ancora vivo, sarebbe avvilito e sconcertato è Giuseppe Calamandrei, colui che “raccontò” la Costituzione ai giovani, colui che ebbe a dire, tra l’altro agli studenti di Milano nel 1955:
(…) la Costituzione è la carta della propria libertà, la carta, per ciascuno di noi, della propria dignità (…)

9 Risposte to “I Poteri dello Stato”

  1. gabriellaraffaele Says:

    Un’amica, Marcella, mi ha scritto una mail sull’argomento:
    “Cara Gabriella, purtroppo però la stessa citazione che tu hai fatto della Costituzione parla di ordine e non di potere! Si tratta com’è ovvio di letture politiche, poi il tuo coniuge giurista ci spiegherà la differenza tra ordine e potere in chiave di Teoria del Diritto!”

    Dopo essermi consultata con il coniuge, posso dire che seguire alla lettera l’assunto della Costituzione ci offre già la risposta.
    Dunque ribadisco che l’art, 101 – parte seconda tratta de “I poteri dello Stato”
    …..e nel Titolo IV c’è la Magistratura
    Mi sembra poi che l’articolo 104 rafforzi il 101: “La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere.- Il termine “ordine”, se estrapolato dal contesto potrebbe creare confusione….
    Dunque, tanto per fare un esempio, quando il ministro Sacconi, componente del Potere esecutivo vuole bloccare una sentenza della Corte Costituzionale (mi riferisco ovviamente al caso Englaro), pone in essere un grave conflitto tra i poteri dello Stato.
    Questo è il parere di Renato e mio.
    Aspetto dei commenti…

  2. marcella marmo Says:

    Certo che la magistratura esercita il potere giudiziario e che la forte maggioranza di destra vuole attaccare gli assetti della prima repubblica particolarmnete favorevole all’autonomia della magistratura e dunque al campo del potere giudiziario. Solo che la citazione da te fatta non a caso parlava di ordine. Non posso adesso andare a fare ricerche sugli assetti dei tre poteri emersi dalla rivoluzuone francese e lungo l’Ottocento, ma diciamo che
    1- il modello di Montesquieu , settecentesco, ereditato dal liberalismo per garantire che non si riproducesse la concentrazione di potere dell’assolutismo, ruotava comunque su una mediazione tra i poteri secondo le istanze anti-assolutiste delle magistratiure ancora di antico regime (M.era appunto un magistrato)
    2- con la riforma napoleonica dello Stato nei paesi a modello francese detti di civil law (non in quelli anglosassoni di common law) si va ovunque a una riforma della giustizia che trasforma i magistrati in funzionari dello Stato. Ordine giudiziario è ancora parola forte, l’autonomia e l’indipendenza del giudice terzo sono un potere (almeno formalmente) effettivo nel giudizio, ma d’ora in avanti i magistrati non emetteranno le sentenze secondo personale iurisdictio, bensì applicando il codice penale che è legge dello Stato. Da funzionari dello Stato devono essere obbedienti, epurati se liberali, puniti nelle sedi e nelle carriere se disobbedienti ecc. ecc. , ma questo passerà, salvo a tornare. Anche nella nostra Costituzione comunque sono definiti potere, secondo la tua citazione, ed è solo questa contraddizione nella tua mail che ti volevo far osservare!
    3- mia diagnosi sullo stato grave della nostra malattia: l’eversione costituzionale che questo governo sta facendo e che già si vedeva nel governo di destra dal 2001, è paradossalmente cominciata quando proprio nelle elezioni del 2001 il min. degli interni Bianco ebbe la buona idea di mettere sulla scheda elettorale la croceper il presidente del consiglio che guidava ciascuno deidue schieramenti. da allora siamo in regime presidenzialista, e berl che ha stravinto parla di democrazia elettorale, fa quello che gli pare con i decreti legge etc. Purtroppo, probabimente, dei ritocchi costituzionali per adeguare molte istituzioni al nuovo sistema maggioritario (compreso, forse in primis, il CSM marcatamente porporzionalista) si dovevanao fare negli anni novanta (io peraltroho al coscienza tranquilla diaver no per il maggioritario). e sopratutto si doveva fare la legge sul conflitto di interessi per sbattere fuori berl. da sistema politico, utilizzabile peraltro a quanto si dice la legge democristiana del 1957. Ormai i buoi sono scappati e ne vedremo delle belle. Orrido oggi questo intervento per decreto sulla “vita” di Eluana.
    Però quanto alla parola ordine riferito alla magistratura, è parola intrinseca al nostro linguaggio otto- novecentesco, in età liberale e democratica, è nella stessa Costituzione italiana. La problematica è piuttosto politica che non imperniata su un’eversione linguistica, che in questo caso non vedo. Le Costituzioni peraltronon sono eterne ma seguono blocchi di cicli politici. negli anni Novanta si doveva discutere non in bicamerale con maggioranze politiche elette con maggioritario, ma avere il coraggio di fare una assemblea costituente con voto proporzionalista per alcune modfiche, CSM e scelta di regole per una scelta ponderata di qualche presidenzialismo+ federalismo. Lo diceva il costituzionalista Barbera e forse anche Sartori. La sinistra è stata troppo conservatrice, gli assetti del resto dovevano restare sotto il controllo dei partiti.. e intanto con Bianco 2001 l’eversione costituzionale è partita. Alla grande.

    Mi scuso per la lungaggine e la confusione! mi scuso anche degli errori di battuta che in questo frenetico gossip sulla crisi costituzionale mi saranno scappati!

  3. marcella marmo Says:

    devo correggere, alla fine del punto 2: anche nella tua citazione della costituzione sono definiti ordine [non: potere]

  4. gabriellaraffaele Says:

    Cara Marcella,
    ho letto con molto interesse la tua disquisizione davvero interessante e colta, ma io continuo ad insistere che nella Costituzione si parla [se vuoi, anche] dei poteri dello stasto, e fra questi la Magistratura….
    Dunque, rispettando ovviamente le tue idee, ritengo che la magistratura è sì un “ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere, Sì DA OGNI ALTRO POTERE PERCHÉ INSIEME CON IL POTERE LEGISLATIVO ED ESECUTIVO È IL POTERE GIUDIZIARIO!!!
    E a proposito della crisi costituzionale di questi giorni, sul caso di Eluana non possiamo che confidare nella saggezza di Napolitano…

    • bruno Says:

      No Marcella non innamorarti della tua tesi.
      Non ordine autonomo ed indipendente da ogni altro potere ma:
      “Ordine autonomo soggetto solo alla legge” Non è la stessa cosa.
      Invece di trasecolare prendi in mano la Costituzione,versione ufficiale e trovami l’espressione “potere giudiziario”. Se la trovi un milione di euro.

  5. marcella marmo Says:

    Non vorrei che facessimo questioni di lana caprina!
    E comunque non ho ‘idee’ personali favorevoli al potere esecutivo e legislativo a fronte di quello giudiziario, ma poche informazioni assolutamente banali sul fatto che nel modello di Stato a tre poteri liberal-democratico otto-novecentesco la magistratura è definita un ordine che esercita il poetre giuridiziario per l’appunto nel corso del giudizio, ma applicando in questo esercizio la legge generale dello Stato, che fa il Parlamento. dunque esclusivamente nel corso del giudizio, come dice la tua citazione della costituzione, “La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere”. Nessuno può sindacare come i giudici applichino la legge, ma la legge non la fanno i magistrati.
    2- L’anomalia eversiva di Berlusconi in particolare in questa legislatura non è perciò nel fatto che abbiano detto “è un ordine e non un potere”, perché la parola ordine è appunto quella presente nella costituzione e non si può contestare. Né nel fatto che facciano per via parlamentare una riforma della giustizia favorevole a un depotenziamento dell’azione gidiziaria a favore del potere esecutivo. Ma nel fatto che governino con abuso di decreti legge, prevaricando così il Parlamento, (eversione di fatto, qui però valgono le mie osservazioni di ieri sul fatto che Bianco ha fatto passare come un deficiente il presidenzialismo del premier); e che nel caso Englaoro, contro gli spazi dell’ordine magistatura che ha esercitato il potere giudiziario con la sentenza di cassazione … , facciano un decreto ad personam per bloccare la sentenza stessa. Come vedi sulla sostanza politica della cosa non ci sono dubbi!
    Ciaoooo

  6. gabriellaraffaele Says:

    No, Marcella entrambe NON facciamo questioni di lana caprina….
    È il momento politico tragico che ci rende così inquieti!
    Su Repubblica, Stefano Rodotà ha intitolato il suo articolo, “La più nera della Repubblica” una giornata, quella di ieri, in cui l’esecutivo, non rispettando una sentenza della Cassazione, una sentenza passata in giudicato, elabora un decreto in opposizione alla stessa e poi non ammette che il Presidente della Repubblica rifiuti di apporre la firma a tale decreto…etc, etc
    Siamo sulla stessa linea d’onda, Marcella: neanche io penso lontanamente che il potere (o ordine che sia) giudiziario abbia maggiore importanza degli altri due: è la circolarità dei rapporti fra i tre poteri che, come sai bene, garantisce la vita della democrazia (come giustamente hai scritto “Nessuno può sindacare come i giudici applichino la legge, ma la legge non la fanno i magistrati”)
    E è proprio l”anomalia eversiva” di Berlusconi che mi fa “tremar le vene e i polsi” sulla sorte della nostra Democrazia.
    Ieri scrivevo che confidavo nella saggezza di Napolitano, oggi non so più cosa succederà……
    Ci ritroviamo con forze politiche di sinistra che tacciono e con Berlusconi che ritenendo di avvalorare il suo disegno, ha il coraggio di dire che Luana potrebbe addirittura partorire.
    Non è certo questa una difesa della vita, ma forse anche conseguenza della vicinanza dell’ottantesimo anniversario della firma del Patti lateranensi: l’appoggio del papa e dei cattolici per loro è vitale…
    Con affetto.

  7. marcella marmo Says:

    Anch’io sono pessimista. berl è un piduista molto creativo e ha approfittato del caso Englaro per fare lo scontro con il Quirinale, che comunque è iscritto nei suoi propositi dato appunto il precedente piduista non di poco conto. Purtroppo però lo scivolo è sttao favorito dalla totale incapacità del centro-sinistra di fronteggiare tutto il passaggio degli anni ’90. Gli errori si pagano e li pagheremo! Spazi di protesta efficace non ne vedo.

  8. marcella marmo Says:

    Pessimismo condiviso! Ma che fare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: